250.000 euro dalla Traviata scaligera

La Scala raccoglie 250.000 euro per le vittime del terremoto

 

La rappresentazione straordinaria de La traviata di domenica 26 febbraio, che la Direzione, i lavoratori del Teatro attraverso le loro rappresentanze sindacali e tutti gli artisti coinvolti nella produzione hanno dedicato ai giovani delle ragioni colpite dal terremoto ha raggiunto quasi 250.000 euro tra l’incasso di biglietteria, le donazioni di Fondazione Banca del Monte di Lombardia e UBI Banca e i contributi dei lavoratori scaligeri ancora in corso di raccolta. La Direzione del Teatro è al lavoro insieme al Presidente della Fondazione e Sindaco di Milano Giuseppe Sala e ai rappresentanti dei lavoratori per individuare i progetti per l’infanzia nelle aree colpite a cui destinare i fondi raccolti.

Alla serata hanno presenziato il Prefetto di Milano Luciana Lamorgese, il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni e il Sindaco di Milano Giuseppe Sala oltre ai rappresentanti delle sigle sindacali nazionali.

Il ritorno dello spettacolo firmato nel 1990 da Liliana Cavani insieme a Dante Ferretti e Gabriella Pescucci ha suscitato una straordinaria attesa ulteriormente accresciuta dal debutto verdiano alla Scala di Nello Santi, il decano dei direttori d’opera italiani, e da un cast prestigioso: all’anteprima del 26 Ailyn Perez è stata Violetta, Ivan Magrì (sostituto del previsto Francesco Meli, che canterà le recite “ufficiali”) Alfredo Germont e Leo Nucci Giorgio Germont.

La traviata sarà in scena alla Scala per sei recite ufficiali dal 28 febbraio al 14 marzo, con Anna Netrebko che subentrerà a Ailyn Perez nelle date del 9, 11 e 14 marzo.

Related Posts